Ars Mirari | Punto Zero, Human Design
Il Punto Zero è un articolo introduttivo nel quale vengono descritte in modo molto semplice le quattro chiavi dell'Human Design ed i Centri della rave chart.
human design, quattro chiavi, introduzione, lettura human design, rave chart, centri human design
15975
post-template-default,single,single-post,postid-15975,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Punto Zero, Human Design

0
Punto Zero, Human Design.

Lo Human Design nasce nel 1987 ed è una tecnica, appunto, che consente di leggere il Disegno Umano di ciascuno.

Quando osserviamo una grafico di Human Design ci sono davvero tantissimi aspetti che vanno tenuti in considerazione; ma, per quanto riguarda l’utilizzo che intendiamo farne, abbiamo deciso di non essere troppo specifici, di rendere questa tecnica qualcosa di universale e facilmente comprensibile.

Per tutti coloro che, tuttavia, intendono conoscere qualche dettaglio in più a riguardo, abbiamo deciso di creare questa piccola introduzione (e successivi articoli di approfondimento) su tutti quelli che saranno gli elementi che utilizzeremo nei nostri articoli.

I neutrini

Negli anni Novanta gli scienziati giunsero ad un’importante scoperta scientifica, definita “la massa mancante” dell’Universo.
Essi, infatti, scoprirono che l’atmosfera dell’Universo è caratterizzata dalla presenza di flussi di neutriniparticelle che vengono emesse da tutte le stelle nel cielo in ogni istante.

In quanto dotate di massa, perciò, esse sono in grado di scambiare informazioni con qualsiasi cosa che attraversano, incluso l’Essere Umano, che viene bombardato da queste piogge di neutrini in ogni istante della sua vita.
Non solo, queste particelle, passando attraverso i pianeti, continuano ad influenzarsi dall’energie di essi e mutano, apprendendo informazioni da ognuno di loro.

Quando questi stessi neutrini passano attraverso il corpo di un bambino che sta nascendo è come se lasciassero in lui un’impronta digitale dell’Universo, un’insieme di caratteristiche ben definite che plasmeranno la sua intera esistenza.

Il grafico

La carta dello Human Design è creata seguendo questo concetto di mappatura genetica neutrinale, quindi è una perfetta fusione tra scienza e spiritualità.

64 sono le Porte dello Human Design, come sono 64 i codoni del genoma umano. Collegate a due, formano 36 Canali, che ci mostrano come l’energia di ogni individuo si muova attraverso 9 Centri (considerabili chakra se vogliamo). Ogni Centro, nel suo modo unico, riceve, assimila, modifica ed esprime questa energia, trasformandola in una funzione umana, una percezione, in consapevolezza, istinto o un comportamento.

Il grande potere di questo strumento è quello di avere una precisa identificazione del microcosmo di ognuno di noi, in quanto nessun grafico potrà mai essere uguale ad un altro.
In base ai Centri, le Porte ed i Canali accesi (o spenti) si genereranno qualità, tipologie, personalità e strategie completamente diverse ed individuali.

Le quattro chiavi

In generale, esistono quattro chiavi di lettura in un grafico, che sono alla base della comprensione individuale.
Esse sono: Tipo, Profilo, Autorità e Croce.

Ad esse si deve sommare tutto il resto del disegno per avere una conoscenza completa della personalità.

Il tipo

Esistono 5 tipologie umane, in ordine di potenza energetica: Manifestatore, Generatore Manifestante, Generatore, Proiettore e Riflettore.

Queste verranno presentate nel prossimo approfondimento, ma in generale sono determinate dai Canali e dai Centri che abbiamo attivi all’interno del grafico.

Walt Disney era un Generatore.

Marilyn Monroe era un Proiettore.

Tim Burton è un Generatore Manifestante.

Per ogni tipologia esistono una strategia ed un comportamento ben precisi di base.

I Manifestatori contano l’8% della popolazione, i Generatori Manifestanti il 33%, i Generatori il 37%, i Proiettori il 21% ed infine i Riflettori l’1%.

Il profilo

Ad ogni Porta accesa corrispondono 13 Pianeti ed un numero in pedice che va da 1 a 6.
Ci basti sapere che per determinare un Profilo abbiamo bisogno del pedice del Sole Conscio e di quello del Sole Inconscio.

Come vediamo nell’esempio, il Sole Conscio si trova nella Porta 49 ed ha come pedice 4, mentre quello inconscio si trova nella Porta 43 ed ha come pedice 6.
Pertanto, il profilo che otterremo sarà un 4/6.

Di profili psicologici ne esistono 12, 6 armonici e 6 disarmonici. Li scopriremo man mano.

Risorsa 1-white
L’autorità

Per Autorità si intende il Centro nel quale prendiamo decisioni, ed anche questo è determinato dal modo in cui sono accesi o spenti i Centri nel nostro grafico.
Ne esistono 8 tipi.

Ad esempio, se abbiamo un’Autorità Splenica (Centro della Milza), saremo più istantanei ed efficienti nelle decisioni, rispetto a qualcuno che ha un’Autorità Emotiva, e quindi più portato a seguire i propri cambiamenti emotivi.

La croce

Infine, la Croce determina la nostra missione per questa vita e la modalità in cui essa si svolgerà, motivo per cui viene anche chiamata Tema Vitale.

Essa è generata dall’insieme di quattro punti, il Sole e la Terra Consci e quelli Inconsci.

Come vediamo nell’esempio, il Sole e la Terra Consci sono nelle Porte 62 e 61, mentre quelli Inconsci nelle Porte 3 e 50.
Pertanto, la Croce che otterremo è 62, L’Oscuramento (62/61 | 3/50) (II).

Di ogni Croce ne esistono 4 variazioni e ci sono 3 modalità di espressione.
In totale ne esistono 192.

Risorsa 1-white
I nove centri

Una volta comprese le 4 chiavi possiamo sommare i talenti (Canali), le Porte ed i Centri accesi di ognuno.

I nove Centri, partendo dall’alto, sono i seguenti:

La corona

Ispirazione e pressione mentale.

Il terzo occhio

Pensiero e consapevolezza.

La gola

Manifestazione ed espressione.

Il sè

Direzione, propositi ed amore.

Il cuore

Forza di volontà e desideri.

Le emozioni

Emozioni e consapevolezza.

La milza

Sopravvivenza e sensi.

Il sacrale

Potere e forza-vitale.

La radice

Guida.

Progetto animae

Attraverso lo Human Design possono essere quindi studiati i talenti e le modalità d’espressione di ogni singolo individuo.
Ogni grafico, infatti, racconta una storia ben precisa ed ogni persona la tradurrà nel suo personale modo di vivere il proprio disegno.

Attraverso la comprensione di se stessi è possibile comprendere il mondo, e lo Human Design risulta essere finalmente lo strumento ideale per aiutarci a farlo.

Clicca qui per leggere l’articolo successivo, Il Manifestatore.

1Comment
  • Ars Mirari | 05 – Adam Ferlin, Parte 2
    Posted at 13:34h, 16 febbraio

    […] nostra vita. Ne esistono 192 tipi e sono una delle Quattro Chiavi fondamentali di lettura. (Clicca qui per leggere l’introduzione all’Human Design e scoprirne di […]

Post A Comment